I nuovi luoghi della politica: dall’agorà al feed Instagram, tra influencer e prese di posizione

Sarebbe anacronistico continuare a negarlo: le notizie oggi viaggiano velocemente, ancora di più quando sono false, mentre i nostri feed di instagram sono invasi dai più svariati contenuti.

 

Rimbalziamo tra video shock, post-denuncia e sponsorizzazioni di prodotti, completamente assuefatti da iconografiche colorate e reels divertenti.

 

Questo mondo fatto ad hoc per noi utenti, personalizzato a puntino da contenuti consigliati e inserzioni pubblicitarie mirate, è però dominato da una (ormai non tanto nuova) figura mediatica ed imprenditoriale di cui assorbiamo, direttamente o indirettamente, contenuti, opinioni e consigli: l’influencer.

 

Alcuni di loro scelgono di parlare della loro vita personale, altri di cosa accade nel mondo o di argomenti a cui sono particolarmente interessati (oppure che fanno semplicemente trend).

 

È un continuo minestrone di persone famose, politici e tuttologi improvvisati: ognuno sente il bisogno di dire la sua, con le migliori intenzioni, ma questo spesso genera il caos.

 

Fuori dalla nostra bolla dei social però, quanta importanza hanno veramente gli influencer nel manovrare l’opinione pubblica? E quali sono i nuovi spazi del dibattito politico?

 

Influencer, brand e woke washing

 

Innanzitutto, il termine “influencer” è utilizzato in ambito pubblicitario per indicare “tutte quelle persone che, essendo determinanti nell’influenza dell’opinione pubblica, costituiscono un target importante cui indirizzare messaggi pubblicitari, al fine di accelerarne l’accettazione presso un pubblico più vasto”, come riportato dal Glossario Marketing.

 

 

Nell’era social, accade spesso che utenti del web riescano gradualmente ad affermarsi, accumulando migliaia di followers e costruendo così la propria credibilità. Questi iniziali “fruitori” diventano allora a tutti gli effetti dei micro (o macro) influencer, cioè personalità capaci di condizionare il proprio pubblico rispetto a specifiche tematiche di interesse, ma non solo.  

 

Talvolta si preferisce definirli “content creator“ perché il loro lavoro online non si limita ad influenzare passivamente il pubblico ma si propone di produrre dei contenuti che possano raggiungere quanti più utenti possibile in modo convincente, interessante, utile e credibile.

 

È così che questa categoria dalle mille sfaccettature diventa il bersaglio principale dei brand, che vogliono sfruttarne l’ampia platea di fedeli seguaci per pubblicizzare ed affermare i loro prodotti.

 

Ciò che però accade spesso è che gli influencer (così come i marchi che rappresentano) decidono di cavalcare l’onda dell’hype di alcune tematiche diventate improvvisamente virali. Quando accade, i feed dei social si riempiono in pochi giorni degli stessi post con le stesse grafiche mentre nelle stories troviamo le stesse facce note che si esprimono in maniera ridondante, utilizzando solitamente slogan clickbait privi di sostanza.

 

Questo meccanismo, ormai appurato, può avere in generale due effetti: se da un lato incentiva il vasto pubblico a prendere consapevolezza di una determinata questione, dall’altro può arrivare a compromettere la stessa tematica, svuotando di ogni credibilità e consistenza i valori in nome dei quali si sta lottando e riducendoli meramente a likes, numero di condivisioni e visualizzazioni.

 

Questo diffuso comportamento, secondo cui gli influencer iniziano a perorare una causa particolarmente calda ma che in precedenza non avevano mai trattato sulla piattaforma, ha un nome: il woke washing, cioè il camuffamento dietro a determinati valori etici senza una reale adesione alle battaglie sponsorizzate. Il woke washing è insomma un altro modo di definire quell’ipocrisia che le personalità conosciute utilizzano per parlare al grande pubblico, spacciando per interesse la necessità di ricevere consensi su larga scala. A seconda dell’argomento, si parlerà di “greenwashing” se la maschera è l’ambientalismo, o di “pinkwashing” se ci si presenta come paladinə di lotte femministe in cui però non si crede fino in fondo.

 

L’autorevolezza e la grande cassa di risonanza di cui godono gli influencer è quindi un’arma a doppio taglio che va saputa usare bene, in particolar modo quando ci si sta schierando per una giusta causa.

 

 

The Ferragnez: nasce, cresce, si schiera

 

Nell’ultimo anno, la coppia più pop del web (ovvero Chiara Ferragni e Fedez, noti come i “Ferragnez”) ha sicuramente intrapreso una crescita sorprendente per quanto riguarda il supporto a battaglie sociali ed etiche sia sui social che nella “vita reale”. In un momento in cui siamo ancora soggiogati da una pandemia verace, la rete è la migliore alternativa all’opposizione fatta “col corpo”, cioè in maniera concreta fuori dalle mura di casa.

 

Nelle scorse settimane, Fedez si è personalmente fatto carico di spiegare al grande pubblico cosa stesse accadendo in parlamento con il DDL Zan, cioè il disegno di legge proposto dal PD contro discriminazioni e violenze per orientamento sessuale, genere, identità di genere e abilismo. A più riprese su Instagram, Fedez si è preoccupato di chiarire significato, importanza ed osteggiamenti al DDL Zan da parte di determinate personalità politiche, tra cui il presidente della Commissione di Giustizia Ostellari (Lega).

 

Dopo aver lanciato petizioni e parlato in diretta con lo stesso Zan (PD), Fedez ha concluso la sua battaglia portando direttamente sul palco del 1° Maggio Roma l’urgenza della calendarizzazione del disegno di legge, leggendo un lungo e diretto discorso in cui si citavano anche alcuni (dei moltissimi) commenti omofobi da parte dei rappresentanti dei partiti di destra.

 

La vicenda, che in sé rappresenta un grande atto di coraggio e di presa di coscienza, ha però poi perso il suo focus originario, andando a mescolarsi con il caso della censura da parte della Rai e la vuota idolatria verso un rapper privilegiato che ha saputo però ben sfruttare le potenzialità della propria posizione.

 

Fedez ha sicuramente agito da buon cittadino, riconoscendo dal suo status di privilegio la necessità di lottare e schierarsi a favore di battaglie importanti anche se non ci riguardano direttamente. L’intento era chiaro ed è stato espresso in maniera diretta e concisa, facendo entrare nelle case di milioni di italiani di tutte le età un messaggio semplice: il disegno di legge Zan contro omobitransfobia, misoginia ed abilismo va subito calendarizzato, perché queste categorie subiscono violenze quotidiane e perciò vanno tutelate, lottando affinché certe discriminazioni non avvengano più.

 

D’altro canto, il discorso è risultato comunque superficiale e riduttivo, anche perché Fedez parla solo di uomini gay trascurando del tutto le altre categorie tutelate dal DDL (donne, disabili e le altre persone dello spettro lgbtq+).

 

Involontariamente, il centro del dibattito si è spostato dalle tematiche del disegno di legge per focalizzarsi sull’odio folle e cieco di alcuni parlamentari di destra, sfociando rapidamente in polemica e shitstorm.

 

Ma dopotutto, cosa potevamo pretendere da Fedez? Un rapper (ed un padre) con milioni di followers che si interessa di tematiche sociali è sicuramente cosa positiva, perché ha risvegliato (almeno in superficie) una coscienza collettiva che pretende la tutela dei diritti di tutti gli individui. Adesso però sta agli addetti ai lavori (i politici), e non certo a Fedez, il compito di attuare ciò che è stato richiesto a gran voce.

 

Anche Chiara Ferragni ha utilizzato la piattaforma per sensibilizzare i suoi seguaci a tematiche delicate ed ancora molto stigmatizzate, come l’allattamento al seno in pubblico o la rivendicazione di essere un’imprenditrice digitale e madre (per la seconda volta). Ferragni, avvolta costantemente da una fitta coltre di giudizi per quanto riguarda l’utilizzo del proprio corpo ed il suo ruolo di genitrice, si era già schierata apertamente a favore di precedenti battaglie per i diritti delle donne e l’emancipazione femminile. Dal revenge porn, alla denuncia della società patriarcale e maschilista in cui viviamo, fino alle manifestazioni del BLM, Chiara Ferragni si è spesso presentata in prima liea, dimostrandosi coerente con il proprio pensiero e soprattutto contribuendo a rendere certe battaglie urgenti e necessarie.

 

Come lei, anche Aurora Ramazzotti ha deciso di rompere a la bolla di vetro condividendo un fatto che le è accaduto recentemente (ma che subisce costantemente nel quotidiano): l’ennesimo atto di catcalling, cioè molestia verbale. Il suo video di denuncia è rimbalzato ovunque sui social, scatenando un’onda anomala di rivendicazioni ed opinioni a riguardo che hanno fatto diventare la tematica virale in pochissime ore. È bastato sentirlo raccontare da Ramazzotti per permettere che moltissime altre donne e ragazze si sentissero finalmente comprese in questa umiliazione e violenza continua, troppo spesso sminuita o anche reputata sopportabile. In molte, grazie a ciò, hanno deciso di rivendicare il proprio diritto sul loro corpo e hanno acquistato la forza ed il coraggio di condannare violenze del genere: sforzi che speriamo non si riveleranno inutili visto l’infelice intervento di Pio e Amedeo.

 

 

Le nuove piazze social, tra politica e social network

 

Negli anni ci siamo preoccupati di tracciare una linea sempre più netta tra svago e politica. Anche sui social, siamo convinti che l’utente medio non abbia alcuna intenzione di confondere i due mondi. O forse no?

 

In un’era digitale in cui ogni tipo di dibattito si sviluppa e struttura principalmente sul web, anche gli influencer hanno (ovviamente) il diritto di esprimere il loro pensiero, esattamente come noi. L’unica differenza è che lo fanno davanti ad un pubblico sicuramente più ampio rispetto ai nostri soliti quattro amici. Ciò che è certo, è il fatto che sia che si esprimano o si esimano dallo schierarsi, gli influencer verranno sempre criticati. Polemizzare attorno ai loro comportamenti però si rivela tanto inutile quanto ipocrita perché (cosa banale ma che a volte ci dimentichiamo) sono persone come tutti (già, non sono ologrammi) e hanno il diritto, se vogliono, di divulgare la loro opinione.

 

Al contrario di alcuni content creator che scelgono di schierarsi esplicitamente per cause specifiche, c’è anche chi rivendica il totale disinteresse alle dinamiche sociali della realtà che ci circonda, rifiutando ogni contatto con il “mondo della politica”. È il caso di Luis Sal, youtuber con oltre 2 milioni di followers, che più volte ha dichiarato di non voler prendere posizione sul web in merito a battaglie etiche o sociali. La domanda però sorge spontanea: è veramente possibile non essere “politici” e quindi scegliere di “non-scegliere”?

 

Sicuramente ognuno deve essere libero di esprimersi, sia nel pubblico e nel privato, secondo le modalità che ritiene più opportune (sempre nel rispetto dell’altro ovviamente). Resta di fatto però che anche ammettendo di non dichiarare esplicitamente la propria posizione riguardo uno specifico argomento, tutti noi agiamo, pensiamo e parliamo creando una nostra gerarchia di valori, definendo involontariamente cosa sia giusto e cosa sbagliato. Di conseguenza, i nostri gesti e le nostre azioni non possono fare a meno che riflettere la nostra visione del mondo. Sebbene sia possibile scegliere di non esporsi in maniera esplicita, non possiamo evitare di veicolare (anche indirettamente) un qualche tipo di messaggio che sarà sempre specchio del nostro pensiero, seppure in minima parte.

 

Ciò che a volte non è chiaro è il concetto secondo cui fare politica non significa solo schierarsi per un partito. Nel senso più generale del termine, ogni nostra opinione o azione è necessariamente politica in quanto si inserisce in un orizzonte collettivo senza il quale l’individuo non avrebbe ragione di esistere. Per quanto possiamo rifiutarci di prendere parte ad essa, in realtà facciamo continuamente delle scelte ponderate e ben schierate in relazione alla nostra personale visione del mondo.

 

In ultima analisi, si può dire che ciò che sta accadendo negli ultimi anni non è che un fatto fisiologico: gli influencer stanno ricoprendo le grandi lacune del dibattito politico, generate dalla mancata presenza sul campo (che sia il web o la piazza) dei politici stessi.

Non dobbiamo stupirci se anche gli influencer hanno un’opinione. Quello che dovrebbe stupirci è come a livello popolare una battaglia tanto importante ed urgente come quella del DDL Zan o del catcalling sia completamente sfuggita dal controllo di chi lavora nel mondo della politica (e dovrebbe interessarsene per primo), finendo nelle mani di personalità pubbliche il cui massimo potere rimane quello di fare pressione e risvegliare superficialmente una coscienza collettiva…per qualche giorno, almeno finché non finisce l’hype.

 

 

Alice Melani

Studentessa di Biotecnologie presso l’Università degli studi Milano-Bicocca, attualmente iscritta al X ciclo di iBicocca per aumentare le conoscenze nel campo dell’innovazione e della tecnologia. Molto interessata al vasto mondo del giornalismo e della comunicazione, da anni si impegna attivamente in temi sociali, politici ed etici. La scrittura è sempre stata il mezzo migliore tramite cui ha potuto esprimersi e battersi per le proprie idee: non facciamo altro che dare forma alla verità con le parole di cui disponiamo.