iKnow: smart recruiting e self-employability, il processo di selezione 4.0

Nell’era del digitale, anche i canali utilizzati per la ricerca del lavoro e le modalità di selezione del personale hanno subito rapidi mutamenti. Questi temi sono stati messi in luce da Erika Meneghello, senior consultant di Utilia. Utilia è una società specializzata nella valutazione e nello sviluppo delle potenzialità delle persone, si concentra proprio sulla promozione del capitale umano.

Secondo Erika un elemento chiave per la crescita professionale è la consapevolezza: consente di valorizzare i propri punti di forza, focalizzare le aree di miglioramento, avere informazioni rispetto alla propria spendibilità nei contesti organizzativi e aumentare l’adattabilità funzionale di fronte ai cambiamenti. “Bisogna avere consapevolezza nella costruzione del proprio percorso, sia professionale che personale”. Self-employability è sinonimo di consapevolezza e azione!

Nei processi di recruiting attuali, qual è un modo per far risaltare la propria candidatura fra migliaia di altri profili? “Sicuramente, nel mondo del digitale e dei social network è fondamentale il personal branding, che è ormai non solo un’opportunità ma anche una necessità: chi non si propone e si racconta in modo efficace e innovativo, rischia di restare fuori dai giochi”. Ovviamente anche le aziende devono promuovere sé stesse, infatti grazie alle vetrine di employer branding è possibile conoscere il proprio futuro posto di lavoro prima del processo di selezione.

Le possibilità di contatto con l’azienda sono di gran lunga aumentate grazie al fiorire di app, social network e piattaforme di incontro candidato-azienda rendendo il processo di selezione molto più veloce ed efficiente, ma in questo modo è aumentata anche la concorrenza: un’azienda riceve infinite candidature e spesso manca proprio il tempo per vederle tutte.
Cosa serve quindi per emergere? Le parole chiave sono: competenza, determinazione, coraggio e fiducia. Bisogna essere proattivi: prepararsi bene ai colloqui ed essere in grado di apprendere dai propri comportamenti.

Un utile strumento è RecrYou: una piattaforma di smart recruiting che permette al candidato di emergere e di cercare l’azienda più in linea con le proprie caratteristiche. Qui sono fondamentali i test psico-attitudinali distribuiti e validati da Utilia, che vengono utilizzati nei progetti di valutazione e sviluppo delle persone all’interno delle organizzazioni.

 

Articolo a cura di Giada Malerba